In ricordo di un vuoto,una domenica di un 23 ottobre…

Ho un ricordo un pò confuso,un pò stordito di questo 23 ottobre, e allo scoccare della mezzanotte non sono stata più io,forse non tornerò mai più ad esserlo e forse non lo farà neanche qualcun’altro.Era quel giorno dell’anno arrivato troppo presto per me,che non ero ancora forte da poterlo affrontare,in cui volevo solo stare”spenta”.Dovevo dovevo ancora metabolizzare di essere assente dove volevo essere.Ero assente nella vita di coloro che amo,e quell’assenza è sbattuta in faccia.Chissà che un pensiero ci sia stato.Doveva essere una domenica in cui mi perdevo nelle cose intorno a me,per non pensare a qualcosa che ho dovuto laciare andare,studiando,guardando il moto gp…e invece quel moto gp me l’ha cambiata lasciando un vuoto…Quel vuoto che lascia chi cresce con te,inaspettatamente e ingiustamente.Un vuoto che ho conosciuto molto tempo prima e che neanche il tempo aiuta a  dimenticare.Un vuoto che sembra venire richiamato ogni volta che qualcuno a cui tieni ti lascia.

Il 2011 ,dieci anni dopo,l’anno delle perdite dei grandi,di quelle persone che stimavo…l’anno in cui esasperata mi trovavo a dover ricominciare tutto dall’inizio,da me.

Un incidente,un ragazzo a terra…è SIC…quel ragazzo di 24 anni che da quando è salito in moto gp l’ha risvegliata.Un ragazzo che sapeva di me,di noi ragazzi della fine degli anni 80′,che proviamo in un mondo di grandi e che quei grandi li ha sfidati e qualche volta vinti.Un ragazzo che rendeva simpatico un podio o un’intervista.Un ragazzo che era in “casa”nostra le domeniche delle corse,e che abbiamo visto crescere.Un ragazzo che inseguiva il suo sogno e ci ha lasciati facendo quello che amava,in un attimo che è durato un’eternità e noi lì…aspettavamo di sapere sperando nell’impossibile.La notizia è arrivata alle 10.57 di una domenica mattina appena sveglia,cercando di capire chi sarebbe stato a regalarci le emozioni maggiori in sella a quelle due ruote.Occhi puntati su un 46 e 58 sperando di vederli trionfare.Lui il piccolo uomo che ha saputo conquistare la stima di quei grande con i quali,qualche volta,si trovava a divertirsi fuori dal circuito.Quel ragazzo per il quale “Si vive di più 5 minuti in moto, che certa gente in una vita intera”e che quella maledetta moto non l’ha lasciata andare,e che oggi,un giorno dopo lascia il mondo ancora incredulo davanti alla sua assenza. Un ragazzo che voleva salire sul podio,”casomai quello centrale…”che da lì risultava meglio e che oggi sopra tutti ci è salito davvero.Forse ci ha lasciati in un modo ingiusto,ma forse…nonostante l’amarezza,nel modo migliore che un campione ha a disposizioni…Al massimo dell’adrenalina,facendo quello che amava,e….in un attimo.

Sic,che aveva tenuto testa a un Vale che spesso lo incornava,ma lui ci provava…aveva il suo stesso talento,la sua stessa voglia di arrivare…Un 46 che ha vinto tutto ma che ieri,dopo l’incidente,aveva perso 10 anni di vita e un amico che nessuna vittoria gli ridarà mai.

Lo ricorderò così,con le parole di Vale

“Ho deciso che ti ricorderò con un sorriso, con quel sorriso che avevi sempre. Ti ricorderò con quell’esclamazione che ho avuto oggi quando ti ho visto prima di partire con quel coso giallo in testa e gli occhiali da sole, ho detto “minchia sic, fortuna che sei simpatico, perchè sei proprio brutto”.
Ti ricorderò come quello che a Monza, quando ti ho visto è sceso dalla macchina ha tolto il casco e incazzato come una iena se n’è andato a piedi dopo aver perso.
Ti ricorderò come “quel bastardo di Sic” che stava diventando un mostro.
Ti ricorderò come l’amico pazzo di Vale, quello del primo mondiale 125 cc, quello che a inizio stagione lo volevano mettere nei casini perchè “era violento”.
TI RICORDERO’ COME IL CAMPIONE CHE SEI SEMPRE STATO..
SEI UN GRANDE E TI PORTERO’ PER SEMPRE NEL MIO CUORE.♥”
[Valentino Rossi]

Siate folli…

“Stay angry.Stay Foolish.”

In questo periodo sembra che ripetermelo metta la carica,perchè queste parole sono state pronunciate da una delle persone che stimavo di più dal punto di vista lavorativo…

Bhè se non altro mi servirà visto che i punti non sono mai stati il mio forte,come in questo caso.Devo reinventarmi e adesso va fatto per bene.Mi sono trovata a farmi delle idee e smontarmele poco dopo,perchè inevitabilmente è questo che accade quando delle idee sono sbagliate,o più che sbagliate non si sono verificate e quindi vengono accantonate…messe lì e dimenticate.

Accade,anche se non molto spesso,che delle persone splendide incontrino il nostro cammino e lo illuminino per non si sa quanto tempo,forse finchè ci sarà bisogno che lo facciano o forse finche noi implicitamente non gli chiediamo di andare,senza cattiveria.Capita delle volte invece,che alcune persone entrino in punta di piedi senza chiedere permesso,e facciano altrettanto quando se ne vanno…o addirittura incontri fortuiti possono rivelarsi positivi più di quanto ti aspettavi.Accade che delle volte incontri persone che prendono possesso di un posto nel tuo cuore e lo abiteranno per sempre,anche se non saranno presenti nel nostro futuro,perchè il cuore funziona così…lui ricorda tutte le singole sensazioni e per quanto possiamo dimenticare con la testa,questo non avviene anche con lui.

E’ che delle volte si tende a voler dimenticare quello che ci faccia male o paura…Ma non accade,e questo ci rende instabili nella realtà e nelle relazioni…ci rende incomprensibili.

E’ che nonostante la delusione,l’osservare dove dovevi essere e non ci sei …Fa male e continuerà a farlo per tanto,molto tempo….finche non andrai oltre,finchè la rabbia si placherà e sarai pronta ad affrontare il dolore a spalle larghe….Eppure ritorvi tutto come un segno del destino,in una frase finale di un telefilm,nei rapporti che ti circondano..nella musica,maledetta amica/nemica e accade così che molte cose, nonostante gli sforzi,tu non riesca a levartele dalla testa…E capiterà che il tempo farà passare per radio altre canzoni,forse nuove,recenti e non ci penserai più come prima. In ogni modo sono fiera di come ho agito,..l’unico rimorso è quello di arrivare sempre tardi…

A volte ci mancano così tanto che non sappiamo se ce la faremo

Non sono molto fiera di quello che sono diventata,e per questo che prendo spunto proprio dalle parole di un grande uomo,dalla sua vita,e dalla sua forza…Aggiustiamo i pezzi rotti e….

“Stay angry.Stay foolish.”

Steve Jobs